Ritrovamento Chelidra serpentina

Avatar utente
Filly
Messaggi: 4972
Iscritto il: lun giu 04, 2007 12:18 pm
Regione: puglia
Località: Puglia
Contatta:

Ritrovamento Chelidra serpentina

Messaggioda Filly » ven lug 27, 2012 1:52 am

fonte: http://www3.varesenews.it/gallarate_mal ... ?id=239784

«Una tartaruga troppo grossa e troppo aggressiva. Non può essere una tartaruga "nostrana"», questo è quello che ha pensato il pensionato che ha trovato nei pressi del proprio orto un esemplare di “Tartaruga Azzannatrice” (Chelydra serpentina).
Dopo la segnalazione, l'animale è stato sequestrato nei giorni scorsi dal personale del Corpo Forestale dello Stato di Vergiate e stamattina è stato consegnato al dottor Schneider che la terrà in cura per qualche giorno. Poi verrà affidata ad un'oasi di Pavia, autorizzata a detenere animali pericolosi e potrà così aggiungersi ad un gruppo di tartarughe delle stessa specie.
Il rettile ha un guscio di quasi mezzo metro e pesa quasi 15 kg. Ha all'incirca 25 anni e probabilmente era tenuta illegalmente in casa da un privato. Una volta divenuta scomoda per le sue dimensioni e per la sua pericolosità forse è stata abbandonata.
L'animale, originario del Canada e della zona est degli Stati Uniti, non ha faticato a sopravvivere poiché la nostra zona è ricca di corsi d'acqua, habitat in cui solitamente questa specie vive. Inoltre durante l'inverno è riuscita ad infangarsi sotto il ghiaccio per ripararsi dal freddo. Altre tartarughe di origine tropicale sarebbero morte.
«Queste piccole tartarughine nere un tempo erano vendute come comuni pet, animali da compagnia», spiega il Dottor Schneider. Dal 1992 è entrata in vigore una legge che vieta l'importazione, la vendita e la detenzione di questa specie ritenuta pericolosa per l'uomo. «Chi le comprava non si informava su come sarebbero diventate.
E' quello che accade con le iguana, ancora in vendita: da una piccola lucertolina nel giro di 2 o 3 anni raggiungono i 2 metri di lunghezza e occorre avere una struttura adeguate per ospitarla in casa».
Dopo l'introduzione della legge moltissimi esemplari sono stati abbandonati per la paura di ricorrere in sanzioni. I proprietari non sapevano forse che potevano denunciarle alle Autorità e chiederne l'affidamento personale. L'abbandono di molti esemplari ha rappresentato e rappresenta tuttora un problema ambientale, poiché questi animali distruggono la flora dei nostri corsi d'acqua e creano dei disordini alla catena alimentare degli habitat lacustri. Quella che potrebbe sembrare una comune tartaruga in realtà è un potente predatore. Il suo collo infatti può allungasi fino a 30 cm per azzannare la preda ed è carnivora.
26/07/2012
Allegati
tmax600x480_2730926303_DSC00017.jpg
tmax600x480_2730926303_DSC00017.jpg (184.05 KiB) Visto 818 volte
tmax600x480_2402629070_DSC00018.jpg
tmax600x480_2402629070_DSC00018.jpg (213.34 KiB) Visto 818 volte
tmax600x480_2285732282_DSC00006.jpg
tmax600x480_2285732282_DSC00006.jpg (190.63 KiB) Visto 818 volte

tartapiero
Messaggi: 144
Iscritto il: mer nov 02, 2005 6:47 pm
Località: Puglia

Re: Ritrovamento Chelidra serpentina

Messaggioda tartapiero » mar lug 31, 2012 10:31 pm

il buon vecchio Rainer ancora in attività! Che mito.
Ad ogni modo, dopo una rapida occhiata, carapace perfettissimo, linee di crescita impeccabili, la mia idea è che questa tartaruga è stata liberata da pochissimo tempo. A dir poco vergognoso.
Unica nota positiva per fortuna volta ogni tanto non leggo che sono in grado di staccare la mano di un uomo, ma che sono un pericolo per la biologia dell'ambiente dove vengono abbandonate in quanto super predatori. Ogni tanto un pennivendolo che la scrive giusta c'è...

Ciao ciao
Piero

Avatar utente
pminotti
Messaggi: 864
Iscritto il: dom giu 18, 2006 4:10 pm
Località: Lombardia

Re: Ritrovamento Chelidra serpentina

Messaggioda pminotti » gio ago 02, 2012 12:51 am

Fortunatamente questa volta si sono trattenuti.


Torna a “Tarta News dal mondo”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron