Pagina 1 di 1

Una moria di tartarughe

Inviato: dom dic 18, 2011 8:21 pm
da EDG
Notizia e foto tratte da: http://natgeotv.com/it/inchieste-oltrenatura/facts

Nel Golfo del Messico duecento tartarughe marine della specie maggiormente a rischio sul pianeta, la Lepidochelys kempii o tartaruga di Kemp, arrivano morte sull'arenile di Biloxi Beach in Mississippi, poche settimane dopo il disastro ambientale causato dalla piattaforma petrolifera Deep Horizon della BP.
Subito si pensa che queste morti siano una delle tante terribili conseguenze della marea nera che ha invaso il Golfo del Messico, ma gli esami autoptici rivelano che nessuna delle tartarughe presenta tracce di petrolio. Gli analisti esaminano i tessuti per vedere se contengano tossine derivate dagli agenti chimici utilizzati per cercare di ridurre l'entità della fuoriuscita, ma i primi test non danno risultati positivi.
Tutte le tartarughe morte vanno ad arenarsi su una striscia di costa lunga circa 70 km , fatto insolito per una tartaruga dalla vocazione altamente territoriale.
Esaminando lo stomaco delle tartarughe non emergono tracce di ulcerazioni o emorragie interne. Ma tutti i cadaveri presentano sabbia nei polmoni, indizio che fa pensare che le creature siano annegate.
Il picco di mortalità delle tartarughe coincide con l'inizio della stagione della pesca ai gamberetti. Due mesi dopo la comparsa dei primi cadaveri sulle spiagge tutte le attività di pesca lungo la costa si fermano a causa della marea nera. E con lo stop della pesca il tasso di mortalità delle tartarughe cala notevolmente.
La legge statunitense impone ai pescatori di utilizzare reti provviste di speciali fori detti TED (Turtle Excluder Device) che consentono alle tartarughe intrappolate di liberarsi. Le autorità ispezionano le barche da pesca per accertarsi che questi dispositivi funzionino correttamente.
Conclusione: la tesi più accreditata è che le tartarughe siano rimaste imprigionate nelle reti da pesca e che si siano normalmente liberate passando attraverso gli appositi fori, solo che in quel periodo nella zona si è concentrato un numero insolitamente alto di barche da pesca; per cui le tartarughe sfuggite a una rete molto probabilmente prima ancora di riuscire a riemergere per respirare sono rimaste imprigionate in un'altra. Le tartarughe annegate quindi potrebbero essere rimaste imprigionate per due o tre volte in reti diverse senza riuscire a tornare in superficie, finendo così per annegare. E per quanto i pescatori abbiano con ogni evidenza rispettato la legge, la concentrazione estremamente elevate di tartarughe e reti in una particolare area ha dato origine a questa moria.

Re: Una moria di tartarughe

Inviato: lun dic 19, 2011 12:01 am
da Agostino
Conosco bene queste reti ed il sistema TED e mi è molto difficile credere che una tartaruga che è in crisi di aria che quindi cercherebbe immediatamente di risalire in superficie, poi nella sua risalita rivenga presa da altre reti....... vorrebbe dire che ci sono diverse reti sullo stessa posizione ma a diversi strati ? Credo di più che molti pescatori non usino veramente questo sistema perchè riduce un poco la percentuale di pescato.

Re: Una moria di tartarughe

Inviato: lun dic 19, 2011 1:31 pm
da nico62
Agostino ha scritto:Conosco bene queste reti ed il sistema TED e mi è molto difficile credere che una tartaruga che è in crisi di aria che quindi cercherebbe immediatamente di risalire in superficie, poi nella sua risalita rivenga presa da altre reti....... vorrebbe dire che ci sono diverse reti sullo stessa posizione ma a diversi strati ? Credo di più che molti pescatori non usino veramente questo sistema perchè riduce un poco la percentuale di pescato.


Come Agostino, anch'io conosco molto bene questo tipo di reti ed anche le tecniche di utilizzo,
non credo che il sistema TED lasci molto scampo alle tartarughe.
Il progetto, soprattutto nei suoi momenti di sensibilizzazione, ha tentato di presentare agli operatori di settore nuove tecniche di pesca a basso impatto, come il sistema TED (Turtles Excluder Device), che permette alle tartarughe catturate accidentalmente, di liberarsi tramite una grata d'uscita, il cui peso non può essere spostato da altri abitanti del mare, più leggeri e meno forti;
dubito fortemente che questo avvenga, vi mostro alcune foto del mio ultimo imbarco
atraina 1.jpg
atraina 1.jpg (332.35 KiB) Visto 1727 volte

btraina 2.jpg
btraina 2.jpg (368.76 KiB) Visto 1727 volte

csalpaggio.jpg
csalpaggio.jpg (367.2 KiB) Visto 1727 volte

dsalpaggio 1.jpg
dsalpaggio 1.jpg (397.55 KiB) Visto 1727 volte

esacco.jpg
esacco.jpg (342.06 KiB) Visto 1727 volte

frete.jpg
frete.jpg (386.42 KiB) Visto 1727 volte

grete 2.jpg
grete 2.jpg (331.04 KiB) Visto 1727 volte

hrete 1.jpg
hrete 1.jpg (351.08 KiB) Visto 1727 volte

ipesce spada.jpg
ipesce spada.jpg (333.19 KiB) Visto 1727 volte

Re: Una moria di tartarughe

Inviato: lun dic 19, 2011 1:45 pm
da Agostino
Da come lo conosco io il TED è solo una griglia formata da sbarre dove non riescono a passare le tartarughe ma neppure i pesci grossi e sulla parte sopra la rete ha una sorta di tubo a rete che permette alle tartarughe di uscire. Poi però credo che dipenda molto da come viene fatto il buco di uscita; qui ho un pò di dubbi perchè se i pescatori vogliono fare i furbi, tengono chiuso o quasi questa "uscita", di fatto non escono le tartarughe ma neppure i pesci grossi.

Re: Una moria di tartarughe

Inviato: lun dic 19, 2011 1:50 pm
da EDG
Comunque si conferma che in ogni caso è sempre l'uomo il primo responsabile della morte di questi animali, guardate quest'altra foto, triste ma molto rappresentativa allo stesso tempo:
http://www.nhm.ac.uk/visit-us/whats-on/ ... 52&group=3
15.jpg
http://www.nhm.ac.uk/visit-us/whats-on/temporary-exhibitions/wpy/photo.do?photo=2570&category=52&group=3
15.jpg (132.33 KiB) Visto 1729 volte