aiuto

Letargo, cure, accoppiamento, deposizione ecc.
spider_1
Messaggi: 117
Iscritto il: mar feb 14, 2006 11:05 am
Località: Campania

Messaggioda spider_1 » mer feb 15, 2006 3:18 pm

cari ragazzi devo dire che sono rimasto un pò deluso da alcune affermazioni fatte da qualcuno.
e questo mi fa molto arrabiare.
c'e' chi addiritura dice che devo darmi ai pesci rossi!
cavolo io ho chiesto dei consigli perche' di tarta terrestri non ne ho mai avute. E giu' tutti a giudicare, questo nn è bello.
ha chi dice che devo darmi ai pesci rossi o che e' strano che le abbiano regalate queste tarta posso solo dire una cosa collegate sempre cervello ebocca prima di emettere sentenze.
vi dirò......gli amici mi chiamano s. francesco, e sapete perche'?
vi spiego: raccolgo qualsiasi animale che abbia problemi li curo e li libero quando e' possibile.
un esempio: nell'ultima primavera-estate ho curato e svezzato 2 rondini...1 passerotto ed un merlo di campagna nostrano, tutti portati a casa mia da amici o pareni.
ancora giusto per farvi capire ho un bellissimo cane(la mia vita)lo raccolto su una spiaggia giu' in calabria era mal nutrito e pieno di paura oggi è il fratello della mia piccola figlioletta e se dico fratello intendo fratello vi allego una foto in seguito.
posso continuare all'infinito ma lasciamo stare.
voglio precisare solo perchè mi trovo queste tarta da cui il forum:
un mio amico le compro' in un mercatino nel napoletano le ha tenute per circa 2 mesi poi si rese conto di non essere in grado di accudirle e pensò du portarle a me.
sapendo di questa mia passione, conoscendo tutte le altre mie bestioline in special modo le tara che già possedevo, piccola parentesi a casa ho un acquaterrario con molte tarta alcune comprate durante i miei viaggi in sud amerira (SOTTOLINEO REGOLARMENTE ENTRATE NEL PAESE HANNO MICROCHIP NELLA ZOMPA POST. DAL QUALE SI EVINCE IL PROPRIETARIO CIOE' IO).
RITORNANDO AL DISCORSO di come sono entrato in possesso di queste era fine settembre grosso modo poi è cominciato il letargo poi ho conosciuto il tartaclub e poi il forum e poi ho ricevuto i consigli e poi la cosa più brutta gli insulti.
ringrazio chi mi sta aiutando mi scuso per l'essere stato prolisso, ma ripeto e sempre utilissimo conoscere prima di giudicare o sputare sentenze.:(!

*eliminato*

Messaggioda *eliminato* » mer feb 15, 2006 4:15 pm

Spider hai scatenato un vespaio perché, come ho già scritto, la razza di tartarughe che hai è in estinzione nei luoghi di origine, è di difficile allevamento anche per i più esperti e perché è di importazione clandestina.
Ti ho voluto avvertire anche dei rischi penali a cui andavi incontro, non tutti sanno che acquistare tartarughe Kleinmanni senza le dovute certificazione di legge che le attestano di allevamento è un reato penale.

Comunque leggiti bene la scheda che ti ho inviato e quella su
http://www.tartaclubitalia.it/specieter ... /right.htm
Dal cavetto riscaldante si suppone che l'hai posta in terrario.
Continua a fare domande che alla fine quello che a noi interessa veramente è mantenere in vita le tue tartarughe.

Comunque non ci hai detto con che cosa le alimenti, è molto importante saperlo.
Non gli dare la lattuga, ma tarassaco, valerianella o soncino, cicoria e pochissima frutta, no banane, pomodori, latticini e derivati, pasta, patate e tutte le verdure lessate.

Avatar utente
Alfabravo
Messaggi: 2008
Iscritto il: mar giu 07, 2005 4:14 pm

Messaggioda Alfabravo » mer feb 15, 2006 4:25 pm

Quoto Tartarock al 100%, e comunque anche se entro solo ora nella discussione, metto in dubbio alcune tue affermazioni,
non si possono svezzare le rondini....si nutrono solo di insetti vivi e appena sono in grado di nutrirsi da sole... si nutrono solo in volo e devi dirmi in quale paese inseriscono i microcip nelle zampe posteriori alle tartarughe..
Grazie

*eliminato*

Messaggioda *eliminato* » mer feb 15, 2006 5:24 pm

No Alfabravo, non è vero, si può.
Anni fa sono riuscito ben due volte a svezzare rondoni caduti dal nido con carne tritata.

Citazione:
Messaggio inserito da alfabravo

Quoto Tartarock al 100%, e comunque anche se entro solo ora nella discussione, metto in dubbio alcune tue affermazioni,
non si possono svezzare le rondini....si nutrono solo di insetti vivi e appena sono in grado di nutrirsi da sole... si nutrono solo in volo e devi dirmi in quale paese inseriscono i microcip nelle zampe posteriori alle tartarughe..
Grazie


spider_1
Messaggi: 117
Iscritto il: mar feb 14, 2006 11:05 am
Località: Campania

Messaggioda spider_1 » mer feb 15, 2006 5:32 pm

x alfabravo
se la rondinella non volaVA ancora, magari c'ha pure provato ma nn è STATA in grado......eco che interviene l'uomo il caro amico che la raccoglie e la porta a casa (come si dice dalle mie parti)del buon Gesu dove chi entra n esce più.
x quanto riguarda il chip informati bene, lo dico a te come agli altri, il chip di riconoscimento lo si inserisce posteriormente tra la zampetta ed il carapace.
il paese dove ho comprato le bestioline con il chip è SANTIAGO del CHILE.... TI DO UN LINK SE INTENDI UN Pò DI CASTILLIANO VATTELO A VEDERE WWW.SAG.GOB.CL
TI RENDI UN Pò CONTO DI COME GLI ALTRI PAESI CHE NOI CREDIAMO ARRETRATI SIANO ANNI LUCE AVANTI A NOI IN MATERIA DI SALVAGUARDIA DELL'AMBIENTE E DELL SPECIE.
ciao.....

spider_1
Messaggi: 117
Iscritto il: mar feb 14, 2006 11:05 am
Località: Campania

Messaggioda spider_1 » mer feb 15, 2006 5:44 pm

tartarock non era mia intenzione scatenare tutto questo io chiedevo pareri credevo che questa fosse una comunità dove tutti dividono la propria passione aiutandosi a vicenda. poi invece vedo che non si fa altro che attaccare l'ultima sulle rondini!
ma veniamo al fatto in questione: si ho creato un alloggio di fortuna
mi sono munito di cavetto riscaldante terriccio sterile di quello che uso per miscela con fibra di cocco x colivazioni irdroponiche.
una vaschettina d'acqua, che ho capito devo togliere e apporla poco tempo per volta,il cavetto va interrato e lo fatto, ma l'alimentazione mi frega non sta mangiando niente le sto dando cicoria.

Avatar utente
Luca-VE
Messaggi: 8512
Iscritto il: mar mag 24, 2005 12:44 pm
Località: Venezia

Messaggioda Luca-VE » mer feb 15, 2006 5:46 pm

Ok per il momento la cosa piu importante e' che hai letto finalmente di quale specie si tratta e potrai informarti sulle esigenze leggendo gli articoli che ti ha consigliato tartarock.
Ovviamente avrai capito che si tratta di testuggini decisamente difficili e problematiche, dovrai impegnarti parecchio!
Ciao
Luca

spider_1
Messaggi: 117
Iscritto il: mar feb 14, 2006 11:05 am
Località: Campania

Messaggioda spider_1 » mer feb 15, 2006 5:49 pm

una cosa da chiarire è questa io non riuscivo a visualizzare le vostre risposte.nei primi giorni non vedevo nulla oggi per la prima volta ho visto le discussioni.

altra cosa che volevo dire: non apre gli occhi però nn c'è muco ne agli occhi ne al naso. pero non li apre perchè?

*eliminato*

Messaggioda *eliminato* » mer feb 15, 2006 5:55 pm

Spider, ripeto la cosa che ci ha fatto scattare è stato vedere che erano delle Kleinmanni.

Citazione:
Messaggio inserito da spider_1

tartarock non era mia intenzione scatenare tutto questo io chiedevo pareri credevo che questa fosse una comunità dove tutti dividono la propria passione aiutandosi a vicenda. poi invece vedo che non si fa altro che attaccare l'ultima sulle rondini!
ma veniamo al fatto in questione: si ho creato un alloggio di fortuna
mi sono munito di cavetto riscaldante terriccio sterile di quello che uso per miscela con fibra di cocco x colivazioni irdroponiche.
una vaschettina d'acqua, che ho capito devo togliere e apporla poco tempo per volta,il cavetto va interrato e lo fatto, ma l'alimentazione mi frega non sta mangiando niente le sto dando cicoria.


spider_1
Messaggi: 117
Iscritto il: mar feb 14, 2006 11:05 am
Località: Campania

Messaggioda spider_1 » mer feb 15, 2006 6:03 pm

per il fatto che non apre gli occhi?

tartapiero
Messaggi: 144
Iscritto il: mer nov 02, 2005 6:47 pm
Località: Puglia

Messaggioda tartapiero » mer feb 15, 2006 6:17 pm

Comunque caro spider, una cosa tra tutte ti deve far riflettere mooooolto attentamente.
Le tartarughe che hai ricevuto in regalo (come detto da altri) sono animali a fortissimo rischio di estinzione e di conseguenza inserite in Appendice 1 Cites, di qui consegue il divieto assoluto di possesso e di commercio ad esclusione di animali nati in cattività e ampiamente documentati (purtroppo non il tuo caso).
Setto questo, il rischio se controllato dalla forestale di un verbale di svariate migliaia di euro e successiva denuncia e processo penale è altissimo.
A questo punto il consiglio più valido che posso darti è il seguente scrivi due righe alla forestale, mettendoli al corrente del possesso di questi animali (non dirgli che te le hanno regalate ti tormenerebbero alla follia per sapere chi te le ha date) digli che le hai trovate nelle immondizie, e avvisali della forte debilitazione degli animali che spostarli in queste condizioni equivale a ucciderli, di conseguenza glieli metti a disposizione ma ti rendi disponibile a curarle.
Ascolta chi ha esperienza con loro, sistemale al meglio e dato che NON potrai MAI avere documenti in regola restituiscile al loro ambiente naturale dove staranno sicuramente meglio.
Anche perchè di sicuro è la migliore soluzione per tutelarti con la forestale.

Piero

*eliminato*

Messaggioda *eliminato* » mer feb 15, 2006 6:24 pm

Ci devi fare una lista di tutti i problemi che ha, non ci devi centellinare i sintomi.
In genere non aprono gli occhi per carenza di vitamina A, fai attenzione che è una vitamina che data in eccesso crea grossi danni.
C'è un complesso plurivitaminico, l'Idroplurivit che può andare bene ma la posologia la deve fere un veterinario.

Dai una occhiata anche a:
http://www.tartarughe.org/default.asp
http://www.veterinari.it/

PATOLOGIE PIU' FREQUENTI DISTURBI ALIMENTARI : sono spesso dovuti a carenze di sostanze nutritive nella dieta dell’animale. Frequenti sono le avitaminosi ( carenze di vitamine ). Nel caso di carenza di vit. A si hanno congiuntiviti , edema palpebrale ( per cui gli occhi appaiono chiusi o semichiusi ) , problemi respiratori ed , a volte , macchie bianche sulla corazza. Se è carente la vit. E si possono avere delle deposizioni di grasso sotto forma di piccole cisti sottocutanee. C’è poi la carenza di calcio , spesso associata ad uno squilibrio con il fosforo ( il loro rapporto è di 1:1 ) o ad una carenza di vit.D3 ( lega il calcio nelle ossa ) , caratterizzata da una deformazione della corazza che appare debole e molla al tatto. Stesso effetto si ha anche nella carenza da ferro associata ad una crescita ridotta del carapace. DISTURBI RESPIRATORI : possono avere diverse cause come il raffreddamento o , molto più grave , l’infiammazione catarrale. Il raffreddore è spesso dovuto a sbalzi della temperatura ; la tartaruga si mostra apatica e priva di appetito , i sui occhi lacrimano ed presenta scolo nasale. L’animale va quindi posto in contenitore a 30 ° C e la sua alimentazione va integrata con dei polivitaminici. Se la tartaruga peggiora c’è il rischio che si ammali di polmonite caratterizzata dalla difficoltà respiratoria ( la tartaruga boccheggia ) e che , se non presa in tempo , può portare alla morte anche nel giro di poche ore ( raro ). L’infiammazione catarrale presenta oltre allo scolo nasale anche del muco nella bocca e scolo purulento dagli occhi , la respirazione è affannosa . In questo caso è bene portare l’animale dal veterinario perché oltre al contenitore a 30 °C saranno necessarie delle iniezioni di antibiotico. Gli occhi vanno puliti con acqua e sale e trattati con pomata antibiotica. OCCHI CHIUSI O GONFI : può essere dovuto ad una carenza di vit. A o a seguito di disturbi respiratori. Se la pulizia dell’acqua non è sufficiente si potranno avere delle infezioni batteriche. Se il problema è dovuto alla carenza di vit. A è necessario aggiungerla nell’acqua e mantenere puliti gli occhi con lavaggi d’acqua tiepida e salata. Se la cosa è dovuta a problemi respiratori , o meglio , ad infezioni batteriche , oltre ai lavaggi ripetuti degli occhi è necessario usare del collirio o della pomata antibiotica oftalmica. MALFORMAZIONI DELLA CORAZZA : sono date da carenza di calcio , di vit. D3 o anche da una scarsa esposizione ai raggi UV che permettono a quest’ultima vitamina di svolgere la sua funzione immagazzinando il calcio

Citazione:
Messaggio inserito da spider_1

per il fatto che non apre gli occhi?


*eliminato*

Messaggioda *eliminato* » mer feb 15, 2006 7:09 pm

Spider ma da quanto hai scritto le tue hanno fatto letargo????
Tutte o qualcuna?
Puoi essere più preciso?



Citazione:
Messaggio inserito da spider_1
poi è cominciato il letargo

spider_1
Messaggi: 117
Iscritto il: mar feb 14, 2006 11:05 am
Località: Campania

Messaggioda spider_1 » mer feb 15, 2006 7:38 pm

tartarock sono state al buio da ottobre a gennaio.
in un terrario.

*eliminato*

Messaggioda *eliminato* » mer feb 15, 2006 8:02 pm

Questa specie non va in letargo.
Hai messo una lampada UVB? Se non la hai mettile al sole diretto, in un posto riparato dal vento e controlla le temperatura.
Non mettere vetro o plastica perchè filtrano i raggi ultravioletti.
In un angolo debbono avere dell'ombra per ripararsi se lo vogliono

Citazione:
Messaggio inserito da spider_1

tartarock sono state al buio da ottobre a gennaio.
in un terrario.



Torna a “Terrestri Esotiche”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti

cron