aiuto

Letargo, cure, accoppiamento, deposizione ecc.
spider_1
Messaggi: 117
Iscritto il: mar feb 14, 2006 11:05 am
Località: Campania

aiuto

Messaggioda spider_1 » mar feb 14, 2006 12:17 pm

Immagine:
Immagine
35,28 KB

Immagine:
Immagine
19,27 KBragazzi salve sono nuovo su questo forum.
sono un appassionato di animali in genere, ne ho molti ma la mia passione + forte è x i cani e le tatar.
di queste ultime ne ho 11 per il momento 8 acquatiche 1 palustre e 2 terrestri queste ultime me le hanno regalate verso la fine dello scorso settembre.
il problema che oggi ho è il seguente: << di queste 2 piccole terrestri non ho la certezza della razza e non le vedo in ottima salute>>.
premetto che acquattiche nn ho molti problemi.
ma con le terrestri sto avendo problemi.
chiedo il vostro aiuto.

Immagine:
Immagine
35,4 KB

Immagine:
Immagine
44,55 KB

Immagine:
Immagine
37,16 KB

*eliminato*

Messaggioda *eliminato* » mar feb 14, 2006 12:27 pm

Sono delle Kleinmanni, provengono dal Nord Africa e non fanno il letargo e non sopravvivono ad inverni freddi come i nostri, sono difficili da tenere e destinate a sicura morte se non le metti in un terrario.
Vengono importate illegalmente dai marinai arabi, se ti becca la Forestale rischi il sequestro, la multa e un processo penale.
Se te ne vuoi sbarazzare portale in un centro WWF o dai Carabinieri dicendo che le hai trovate in uno scatolone tra l'immondizia.
Facci sapere i problemi che hanno.
Sicuramente sono inappetenti e con problemi respiratorii e muco nasale.

*eliminato*

Messaggioda *eliminato* » mar feb 14, 2006 12:29 pm

Scheda allevamento Kleinmanni:


Allevamento e riproduzione in cattività della Testudo Kleinmanni, Lortet, 1883: esperienze di Marlies e Detlef Fritzsche

Complessivamente 34 uova sono state deposte fra 1999 e 2001 con la nascita di 24 tartarughine. Le perdite sono il risultato di errori che descriveremo.
In generale la tartaruga egiziana è la più specie piccola tra tutte le tartarughe mediterranee. Il relativo habitat si limita ad una piccola linea costiera dalla Libia di nordest all'Egitto e in Israele per una fascia di 90 km nell'interno (BUSKIRK 1990). Il fattore limitativo più decisivo dell'areale è la limitata pioggia lontano dal litorale con conseguente scarsezza di cibo.
La tartaruga egiziana è l'unica tartaruga mediterranea che effettua l' estivazione, che probabilmente dura parecchi mesi. Comunque la distribuzione è limitata e questa specie è particolarmente minacciata dal pascolo eccessivo delle greggi (riducendo disponibilità dell'alimento ed i posti per nascondersi), ma anche dalle nuove minacce, quali l'espansione delle aree coltivate e la cattura (GAD 2000).
Contrariamente alle altre tartarughe, gli allevatori non possono soddisfare generalmente le esigenze di questa specie. Abbiamo comprato il nostro primo testudo Kleinmanni in 1993. Oggi abbiamo quattro maschi e sei femmine. Con le variazioni stagionali le femmine adulte pesano circa 350 g. Una femmina con una lunghezza del carapace di 14 centimetri e un peso di 450 è un gigante della sua specie. I maschi sono chiaramente più piccoli e pesano fra 160 g e 215 g.
Per parecchi anni gli animali sono stati mantenuti in terrari aperti superiormente nel nostro appartamento. Tutti gli sforzi per stimolare gli animali con una variazione stagionale tramite lampade riscaldanti per stimolare particolarmente l'estivazione rimanevano infruttuosi. Complessivamente gli animali erano scarsamente attivi sessualmente (i maschi si limitavano ad una breve ed occasionale erezione del pene ed ai rumori "stridenti" una volta bagnati). Notevoli tuttavia erano le malattie respiratorie croniche, a volte sviluppatesi in condizioni di stress. I sintomi somigliavano alla polmonite. Dalla nostra attuale esperienza imputabili ad una costante bassa umidità.
I bagni e l'umidificazione giornaliera non hanno avuti alcun successo nella riduzione del problema per aumentare con successo l'umidità.
In seguito abbiamo costruito un terrario speciale per il gruppo e provvisoriamente dovuto disporre gli animali nella serra, a causa del lavoro di ricostruzione del nostro appartamento. Per parecchi anni abbiamo mantenuto generi differenti di tartarughe, Kinixys e G.carbonaria, in questa serra.
Dopo questo trasferimento abbiamo notato aumentante notevole l'attività - specialmente il primo tentativo di accoppiamento - per quanto non avevamo mai visto un reale accoppiamento finora .
Da ciò la decisione di lasciare gli animali nella serra. La serra è costruita direttamente a ridosso dell'edificio a sud-est. Indipendentemente dalla stagione le temperature non scendono sotto i 20 ° c. La temperatura massima è limitata a 45°c di estate con ventilazione ed ombreggiamento controllati. Questi valori di temperatura sono presi ad un'altezza di cm 1.40 dove le kleinmanni sono alloggiate.
L'alta umidità è ottenuta con contenitori d'acqua e molte piante innaffiate con regolarità. Le tartarughe egiziane sono mantenute in terrari di vetro aperti. L'allestimento consiste di un piatto piano con acqua, una pianta con fogliame in un vaso o piantata direttamente nel substrato ed inoltre include dei tubi di terracotta per rifugiarsi. Una volta non attivi gli animali si ritirano in questi tubi artificiali, anche durante l'estivazione.
Sopra i tubi sono disposte delle spugne molto bagnate che umidificano tutto il giorno i posti per nascondersi e ne umidificano l'interno. In più l'evaporazione causa un certo raffreddamento e chiaramente fa diminuire la temperatura, confrontata alla zona circostante (abbiamo misurato un differenza di fino a 8°C nella temperatura). Il substrato è composto da una miscela di sabbia e corteccia, mescolata con fibra di noce di cocco. La copertura con il pacciame consente una sottofondo bagnato ed una superficie asciutta. L'innaffiamento generoso e spruzzare delle piante con acqua formano sempre una regione umida nel terrario. Inoltre ci è un gran numero di porcellini di terra che sono i benvenuti poiché contribuiscono a mantenere il terrario pulito. Se una tartaruga non utilizza i tubi per nascondersi, si interra nel substrato della zona umida. Anche se l'acqua potabile è costantemente disponibile nei piatti, gli animali preferiscono bere le gocce dalle piante innaffiate, levandosi in piedi sulle loro zampe posteriori. Complessivamente appare chiaro che un allevamento con più umidità è consigliato. Dal trasferimento degli animali nella serra secondo la descrizione, i problemi con le malattie respiratorie sono sparite completamente. Oltre che la luce del giorno naturale i serbatoi sono illuminati il giorno intero con un "Arcadia fluorescente 3D" ;. Per riscaldarsi più velocemente di giorno sono utilizzati due spot caldi di 40 e 60, per ottenere una temperatura di circa 45°. Le tartarughe si scaldano brevemente sotto le lampade dopo l'accensione. Dopo il riscaldamento, mangiano ancora e spariscono nei loro nascondigli. Soltanto nel pomeriggio ha luogo una ripresa di attività.

Estivazione.

In natura i periodi estivi si presentano con caratteristiche climatiche di aridità, con conseguente mancanza di acqua e di disponibilità ridotta dell'alimento abbinata all'alta temperature. Per sopravvivere, le tartarughe occupano tane di piccoli mammiferi (BUSKIRK 1990). Più profondamente vanno, meno c'è influenza del sole e temperatura diminuisce, mentre l'umidità aumenta (GAD 2001). Il modello annuale della temperatura nella nostra serra assomiglia alle circostanze naturali. Tenendo conto delle circostanze necessarie per le altre nostre tartarughe, le più alte temperature della notte non coincidono con i termini climatici nella gamma naturale della tartaruga egiziana. Con la nostra sorpresa, questo fin qui non ha causato alcun problema. Probabilmente i rifugi profondi proteggono gli animali dalla grande escursione termica fra il giorno e la notte nel loro habitat naturale. Verso la fine di maggio le temperature diventano critiche durante i giorni pieni di sole nella serra. Da allora, ma dopo un periodo di transizione, gli animali ottengono soltanto il fieno e gli alimenti secchi offerti alternativamente. La mattina non bagniamo più i vasi. L'umidità generale nei terrari proviene soltanto dall'innaffiamento delle piante e delle spugne bagnate sui tubi dell'argilla. In queste circostanze gli animali si ritirano nei loro nascondigli. Non mangiano più. Inizialmente emergono soltanto occasionalmente dai loro nascondigli, poi non più. Vanno in estivazione. Alla conclusione di agosto spruzziamo intensivamente i terrari per simulare un altro cambiamento del clima e le tartarughe ottengono nuovamente l'alimento verde fresco. Inoltre ora fanno il bagno parecchie volte per offrire l'acqua sufficiente per facilitare l'escrezione degli importi considerevoli dei urati accumulati nella vescica durante l'estivazione. Occorre generalmente una o due settimana fino a che gli animali siano ancora completamente attivi.

Alimentazione.

Alimentiamo gli animali con cibo fresco raccolto nel nostro orto, sono nutriti con differenti generi di sedum, di trifoglio bianco, di denti di leone e di erbacce differenti. Secondo disponibilità stagionale, ci sono inoltre fiori, bacche e frutta offerte alternativamente. Nell'inverno, alimentiamo generalmente con cavolo riccio, la cicoria, il cavolo cinese, l'indivia, dolcetta e le insalate miste dei negozi di verdure quasi tutti gli animali accettano le mele, una mangia la paprica. Tuttavia entrambi sono offerti raramente. I tentativi con i germogli all'interno del terrario sono stati esclusi perché gli animali non li mangerebbero. I nostri animali preferiscono bere le gocce dell'acqua dalle piante, dai pannelli di vetro e da altri oggetti più che dai piatti. Di conseguenza l'alimento offerto non è tagliato e spesso non è spruzzato con acqua. L'acqua potabile è arricchita con il sale del mare in un tasso omeopatico di applicazione ed anche a volte con pochi cristalli dello ioduro del potassio. L'alimento è arricchito da una spolveratura d'uova tritate finemente (in polvere). Spolverizziamo approssimativamente una volta al mese l'alimento con "Korvimin", una miscela delle vitamine e dei minerali. Non ci è differenza principale nell'alimentare i piccoli o gli adulti. In generale offriamo le parti più tenere tagliuzzate finemente ai piccoli.
Parassiti
dopo l'estivazione del 2001 e il bagno, una delle mie femmine fattrice d'uova ha espulso nove vermi (ascaridi) insieme ad una grande massa di escrementi. Il verme più grande misurava 17 centimetri, spaventoso, i più piccolo 9 centimetri. Fino allora noi avevamo considerato gli animali esenti da vermi in assenza di prova visibile. Dopo un attento esame abbiamo scoperto ascaridi o ossiori (nematodi) in tutti gli animali. Immediatamente abbiamo curato l'intero gruppo con "Welpan". La medicina è stata amministrata tramite l'alimentazione e mediante sonda gastrica. Non è stato osservato nessun effetto secondario con il dosaggio suggerito usato (2.5 ml/kg). La prima deposizione si è avuta nel 1999 durante l'alloggiamento provvisorio nella serra. Dopo pochi giorni di intervallo abbiamo trovato due uova che non sono state sepolte. Queste uova non si sono sviluppate. Nella sistemazione attuale, tutte le deposizioni ora avvengono fra la fine di novembre e l'inizio di maggio e ciò si presenta esclusivamente dalle 7:00 alle 10:00 della mattina da entrambe le femmine mature (in terrari differenti) hanno sepolto la covata direttamente sotto i gli spot da 40 W o 60W. Tutte le uova sono state sepolte più profondamente possibile (lo spessore del substrato è di 8 centimetri). Parecchi tentativi di prova di deposizione sono stati osservati prima che l'a deposizione reale accadesse. Nel 2000 una femmina ha prodotto un totale di 10 uova in 5 deposizioni. In 2001 lo stesso animale ha prodotto un totale di 13 uova in 6 deposizioni, mentre un'altra femmina ha fatto complessivamente 9 uova in 4 deposizioni. Il numero di uova per la deposizione varia fra 1 e 4. Soltanto 1 deposizione con 4 uova è stata effettuata e 1 delle uova era molto piccola e non si è sviluppata, mentre un altro uovo si è rotto nel seppellimento. Forse questo non sarebbe accaduto usando un substrato più profondo. In media gli intervalli fra le deposizioni sono di 24 giorni per il prima femmina e di 38 giorni per la seconda femmina.

Incubazione e schiuse

Per l'incubazione, la maggior parte delle uova fin qui sono state sepolte in serbatoi aperti nella sabbia asciutta e sono state disposte appena sotto il soffitto nella serra. Qui le temperature variano giornalmente fra 27 'C - 34 'C e l'umidità è tra 60 a 65 %. Ad alcuni piccoli durate la covata il guscio dell'uovo ha aderito al carapace. Durante l'anno 2001 quindi alcune deposizioni sono state incubate su "Vermiculite", mescolato con acqua ad un rapporto di 1:1 in box di plastica forati sul coperchio. In queste circostanze i piccoli sono nati dopo 81 - 106 giorni. Nella stessa covata c'è stata una differenza di una settimana di schiusa tra i piccoli. Tra i piccoli i pesi variano 4 - 10 in maggioranza circa 8g.
Sono accadute perdite non spiegate della prima covata ed è sembrato essere correlato con uno sviluppo veloce. I primi piccoli hanno raggiunto in un anno un peso più di 30 g ed una lunghezza di 55 millimetri. Il carapace imperfettamente sviluppato e molle era indice di rachitismo. Abbiamo riconosciuto un modello simile di sviluppo in molti del piccoli di dato anno. C'erano state tantissime deposizioni e uova e molti piccoli erano stati incubati per un breve tempo prima o persino durante la stagione calda.
Noi accidentalmente abbiamo dimenticato di considerare il fatto gli adulti estivano sotto queste condizioni in questo periodo ed abbiamo mantenuto i piccoli in terrari identici e sotto la stessa esposizione degli adulti in nostro appartamento creando le condizioni di una crescita errata.
Al giorno d'oggi non sono esposti alle alte temperature artificiali della serra estiva e questi problemi sono stati risolti. Da allora il mantenimento dei piccoli in tale maniera provoca un buon sviluppo. E' importante irrorare a spruzzo ogni mattina il terrario. Gli animali preferiscono prendere le gocce dell'acqua dall'alimento, dalle piante ecc. Molto probabilmente in natura sono abituate a dissetarsi con la rugiada.


Avviso: Manda un messaggio aDetlef & Marlies Fritzsche Himmelfúrststraße I e D?08062 Zwickau Tel.: ++49?(0)375?281882 Email: diri.fritzsche@t?oriline.de

spider_1
Messaggi: 117
Iscritto il: mar feb 14, 2006 11:05 am
Località: Campania

Messaggioda spider_1 » mar feb 14, 2006 12:35 pm

x favore rispondetemi per favore

*eliminato*

Messaggioda *eliminato* » mar feb 14, 2006 12:36 pm

Ti ho risposto anche in privato, più esaustivo di quell'articolo non trovi.
Intanto dovresti descrivere che problemi presentano.
Contatta un veterinario.
Citazione:
Messaggio inserito da spider_1

x favore rispondetemi per favore


Sergio
Messaggi: 155
Iscritto il: ven set 23, 2005 1:37 pm

Messaggioda Sergio » mar feb 14, 2006 3:24 pm

Citazione:
Messaggio inserito da spider_1

x favore rispondetemi per favore




C'e poco da rispondere, anzi ti hanno gia' risposto: sono Testudo Kleinmanni. Sono praticamente inallevabili in cattivita' perche' fortemente adattate al microclima della loro ristretta zona di origine. Non te ne faccio una colpa, ma prima di prendere tartarughe ed animali in genere bisognerebbe premunirsi di sapere le loro necessita' di allevamento ed essere disposti a rinunciare se queste sono fuori portata. Il fatto che tu addirittura non conoscessi la razza...beh, la dice lunga. Inoltre scommetto che manco avrai i documenti, e se ti beccano ti fanno vedere li sorcini verdi verdini e verdoni. Telefona al carapax a massa marittima in Toscana o qualche sede a te vicina del wwf o della Forestale. Come ti e' gia' stato suggerito di che l'hai trovata nelle monnezza e consegnagliele. Altrimenti tra poco ti troverai solo dei bei( si fa per dire) gusci vuoti.

spider_1
Messaggi: 117
Iscritto il: mar feb 14, 2006 11:05 am
Località: Campania

Messaggioda spider_1 » mar feb 14, 2006 3:58 pm

NESSUNO PUò DARMI QUALCHE CONSIGLIO SU COME POTER SALVARE LE PICCOLE CREDO CHE, ALMENO PER LA PICCOLA CON IL CARAPACE PIù CHIARO, PER FAVORE DATEMI QUALCHE CONSIGLIO. iO HO CERCATO DI IDENTIFICARLE CONFRONTANDO CON FOTO DI DOCUMENTI TROVATI SU QUESTO SITO. MA MI RISULTA DIFFICILE.
LE DIMENSIONI SONO : LA CHIARA 9,5 CM LA SCURA 8,5 CM

Avatar utente
supersubaruman
Messaggi: 1738
Iscritto il: lun ott 24, 2005 9:01 pm
Località: Veneto
Contatta:

Messaggioda supersubaruman » mar feb 14, 2006 4:03 pm

Citazione:
Messaggio inserito da spider_1

NESSUNO PUò DARMI QUALCHE CONSIGLIO SU COME POTER SALVARE LE PICCOLE CREDO CHE, ALMENO PER LA PICCOLA CON IL CARAPACE PIù CHIARO, PER FAVORE DATEMI QUALCHE CONSIGLIO. iO HO CERCATO DI IDENTIFICARLE CONFRONTANDO CON FOTO DI DOCUMENTI TROVATI SU QUESTO SITO. MA MI RISULTA DIFFICILE.
LE DIMENSIONI SONO : LA CHIARA 9,5 CM LA SCURA 8,5 CM


hai notate che qualcuno ha scritto qualcosa dopo il tuo appelle?! non ti aspettare che arrivi E.R. TARTARUGHE a casa e te le salvi..

Avatar utente
Agostino
Messaggi: 5288
Iscritto il: sab mag 21, 2005 9:06 am
Località: Emilia Romagna
Contatta:

Messaggioda Agostino » mar feb 14, 2006 4:25 pm

Sono delle Testudo kleinmanni, leggiti la scheda sul sito !
ricorda , come ti ha già detto Tartarock, che se non le tieni in un terrario ben riscaldato, ti muoriranno sicuramente, almeno di giorno devi avere 28-30°C , di notte non meno di 20°C e serve una zona con una lampada spot che crei una temperatura di 35-40°C, più serve anche una lampada a raggi UVB specifica per tartarughe.
Attenzione che teme moltissimo l'umidità, quindi niente vaschetta con l'acqua(la metti solo saltuariamente per poco tempo).
Però se la tarta sta male, tipo muco dalle narici, devi assolutamente andare a farla vedere ad un veterinario(attenzione digli che l'hai trovata , altrimenti rischi grosso).

*eliminato*

Messaggioda *eliminato* » mar feb 14, 2006 7:25 pm

Come ti hanno scritto tutti quanti sono delle Kleinmanni, per quella più piccola cosa intendi?
Quale è nelle foto? A vedere gli anelli di accrescimento hanno minimo sui 4/5 anni ed anche più, sono tartarughe di piccola taglia.
Quella più dorata potrebbe essere una Golden Greek ma se tutte presentano il triangolo nero nel piastrone come nella prima foto sono Kleinmanni.
Se non appronti un terrario di corsa moriranno tutte, non è per portati jella ma è la verità, sono tartarughe che vivono nel deserto, in zone in cui non esiste l'inverno.
Se ritieni di non poterle tenere rivolgiti a http://www.wwfnapolinord.it/ dicendo che le hai trovate abbandonate.


Citazione:
Messaggio inserito da spider_1

NESSUNO PUò DARMI QUALCHE CONSIGLIO SU COME POTER SALVARE LE PICCOLE CREDO CHE, ALMENO PER LA PICCOLA CON IL CARAPACE PIù CHIARO, PER FAVORE DATEMI QUALCHE CONSIGLIO. iO HO CERCATO DI IDENTIFICARLE CONFRONTANDO CON FOTO DI DOCUMENTI TROVATI SU QUESTO SITO. MA MI RISULTA DIFFICILE.
LE DIMENSIONI SONO : LA CHIARA 9,5 CM LA SCURA 8,5 CM


Avatar utente
Fede
Messaggi: 4379
Iscritto il: mer giu 08, 2005 12:49 pm

Messaggioda Fede » mar feb 14, 2006 7:35 pm

Ma come hanno fatto a regalartele????
Immagine poveracce...

*eliminato*

Messaggioda *eliminato* » mar feb 14, 2006 7:45 pm

Agostino, si è sempre pensato così ma l'esperienza di quei due allevatori tedeschi va in tutt'altra direzione.
In quanti riesco a far riprodurre le Kleinmanni a "secco"?
Ho letto che in Egitto chi le vende consiglia sempre di fargli fare dei bagni.
Forse, visto che le colonie di Kleinmanni sono spesso isolate tra loro dai tempi dell'ultima glaciazione, ogni sottogruppo ha sviluppato abitudini differenti?


Citazione:
Messaggio inserito da Agostino
Attenzione che teme moltissimo l'umidità, quindi niente vaschetta con l'acqua(la metti solo saltuariamente per poco tempo).


simone
Messaggi: 952
Iscritto il: dom ago 07, 2005 9:27 pm
Località: Toscana

Messaggioda simone » mar feb 14, 2006 8:35 pm

Sono belle ma anche molto delicate ! Segui i consigli che ti hanno dato !

anto
Messaggi: 1618
Iscritto il: gio nov 24, 2005 9:36 pm
Località: Campania

Messaggioda anto » mar feb 14, 2006 10:01 pm

L'egoismo e la superficialità delle persone sono delle cose incredibili!
Come si fa a prendere una tartaruga senza sapere di che specie è, come va allevata, se è in possesso di documenti...praticamente sono state condannate prima del tempo, qui cè gente che trova difficoltà ad allevare le greche, figuriamoci le Kleinmanni che io ritengo siano solo per allevatori espertissimi.
Dimostra di tenerci almeno un po alla loro vita e ascolta chi ti ha consigliato di contattare il Carapax o la più vicina oasi del WWF.
Le tartarughe come tutti gli animali non sono giocattoli!

Avatar utente
n/a15
Messaggi: 1477
Iscritto il: mer lug 06, 2005 12:19 am

Messaggioda n/a15 » mar feb 14, 2006 11:41 pm

pare assi strano come la gente si lamenti dei prezzi folli delle tartarughe e poi.... come per magia.... quando qualcuno ha grossi problemi (legati all'imperizia ed ad acquisti incauti) gli esemplari sono sempre giunti in regalo, siano stati appioppati da qualche amico approfittatore, o siano addirittura stati salvati dalle grinfie di qualche bruto. Ma chi è che regala marginate, Kleinmanni o pardalis ???


Torna a “Terrestri Esotiche”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti

cron