Reportage "Progetto TCI Angonoka"

Avatar utente
Filly
Messaggi: 4933
Iscritto il: lun giu 04, 2007 12:18 pm
Regione: puglia
Località: Puglia
Contatta:

Reportage "Progetto TCI Angonoka"

Messaggioda Filly » ven ott 15, 2010 5:26 pm

Sulla Home page del Tartaclub o a questo link: http://www.tartaclubitalia.it/foto/prog ... cupero.pdf

trovate il reportage del "progetto TCI Angonoka" con il dettaglio di tutte le operazioni di installazione del sistema di allarme offerto al centro di recupero gestito dal Durrell Wildlife Conservation Trust, ubicato all’interno del Parco Nazionale di Ankarafantsika, nonchè del ritrovamento e del conseguente e non facile recupero di un esemplare maschio del peso di 19kg!! : Eeek :

Il reportage è correlato da splendide foto grazie a Danilo fotografo ufficiale della spedizione!


Buona lettura... : book : : Yahooo : : Yahooo :

Avatar utente
Carla Pavoncelli
Messaggi: 37
Iscritto il: gio mar 04, 2010 1:09 pm

Re: Reportage "Progetto TCI Angonoka"

Messaggioda Carla Pavoncelli » ven ott 15, 2010 6:28 pm

Filly ha scritto:Sulla Home page del Tartaclub o a questo link: http://www.tartaclubitalia.it/foto/prog ... cupero.pdf

trovate il reportage del "progetto TCI Angonoka" con il dettaglio di tutte le operazioni di installazione del sistema di allarme offerto al centro di recupero gestito dal Durrell Wildlife Conservation Trust, ubicato all’interno del Parco Nazionale di Ankarafantsika, nonchè del ritrovamento e del conseguente e non facile recupero di un esemplare maschio del peso di 19kg!! : Eeek :

Il reportage è correlato da splendide foto grazie a Danilo fotografo ufficiale della spedizione!


Buona lettura... : book : : Yahooo : : Yahooo :


Grazie moltissimo,il reportage e'eccezionale.Carla Pavoncelli

Avatar utente
Lorenzo80
Messaggi: 566
Iscritto il: lun gen 28, 2008 11:07 am
Regione: Lazio

Re: Reportage "Progetto TCI Angonoka"

Messaggioda Lorenzo80 » ven ott 15, 2010 8:39 pm

Fare i complimenti per il lavoro svolto mi sembra il minimo : Yahooo : : : Yahooo : : Yahooo :
immagino che emozione vedere le Angonoka dal vivo...

Avatar utente
Luca-VE
Messaggi: 8512
Iscritto il: mar mag 24, 2005 12:44 pm
Località: Venezia

Re: Reportage "Progetto TCI Angonoka"

Messaggioda Luca-VE » ven ott 15, 2010 9:03 pm

Una splendida avventura, per quello che avevo gia definito uno dei migliori e piu importanti progetti del TCI.
Viene da sorridere (o no...) a pensare che quegli animali cosi importanti fossero difesi da del filo da pesca e dalle lattine, ma se non si conosce la realta' malgasce e' difficile comprendere.
piccolo spazio pubblicità

Avatar utente
Giacomo-PG
Messaggi: 1666
Iscritto il: lun ago 03, 2009 12:20 am
Località: Gubbio

Re: Reportage "Progetto TCI Angonoka"

Messaggioda Giacomo-PG » ven ott 15, 2010 10:08 pm

Report bellissimo ed avvincente.
Mi dispiace che tanti sforzi saranno comunque resi vani,questo mi rattrista molto.
Se non si cura la corruzione purtroppo tutte queste splendide iniziative saranno sforzi inutili.
Secondo me l'unico modo che abbiamo per salvare le Yniphora (prossime all'estinzione) e le Planicauda(saranno estinte in natura nel 2030 circa) sarebbe portarle tutte in Europa in strutture dedicate a loro tipo La ferme aux crocodile (scusate se l'ho scritto male) ,riprodurne a pacchi e pacchi e poi portarne giù 10000 tra 50 anni e tenerne comunque un bacino di rinfoltimento qui.

Avatar utente
Luca-VE
Messaggi: 8512
Iscritto il: mar mag 24, 2005 12:44 pm
Località: Venezia

Re: Reportage "Progetto TCI Angonoka"

Messaggioda Luca-VE » sab ott 16, 2010 9:09 am

Mica tanto sbagliato...
piccolo spazio pubblicità

Avatar utente
DelorenziDanilo
Messaggi: 4031
Iscritto il: mer mag 18, 2005 10:49 pm
Località: Emilia Romagna
Contatta:

Re: Reportage "Progetto TCI Angonoka"

Messaggioda DelorenziDanilo » sab ott 16, 2010 9:41 am

ci sono in tutto 17 adulte (18 con quella che abbiamo consegnato).
7 sono femmine.
una femmina depone 1-2 uova all'anno, e servono circa 8-9 mesi per la schiusa (stando alle informazioni ricevute).
Considera che non si schiudono il 100% delle uova ma probabilmente un 60%.
fare migliaia e migliaia di piccoli ci vorrebbero secoli.

Poi a portarle quà non è detto che si adattino bene da subito.. e poi considera il rischio di nuove malattie che potrebbero ricevere in un paese nuovo..
..e poi i furti ci sono anche quà..

anche a me piacerebbe tantissimo.. magari nel futuro parco del TCI!.. :) ma per me è meglio aiutarle da quà, preoccupandosi di continuare a sostenere questa iniziativa come abbiamo intenzione di fare (denaro permettendo!)

L'unica cosa che continua a tenere in vita quelle tartarughe èil fatto che le persone che vivono in quel parco hanno capito che per loro quelle tartarughe sono motivo di turismo, sovvenzioni e aiuti.. altrimenti sarebbero già finite sulle graticole di qualche contadino locale da un pezzo..

Avatar utente
Agostino
Messaggi: 5288
Iscritto il: sab mag 21, 2005 9:06 am
Località: Emilia Romagna
Contatta:

Re: Reportage "Progetto TCI Angonoka"

Messaggioda Agostino » sab ott 16, 2010 10:11 am

Penso che molte persone da anni si stanno scervellando per cercare di salvarle; certamente la situazione non è facile.
D'altronde quello che dice Giacomo è un'utopia, e poi non sarà così facile farle riprodurre in ambienti artificiali.

Ci sono due cose distinete che sono il centro di riproduzione che sta funzionando, visto che in 25 anni ne hanno riprodotte circa 450, ma ogni tanto gle ne rubano, e le zone in natura dove vengono rilascite le sub-adulte riprodotte.
Ora, quello che vuole ottenere il nostro progetto è che almeno non ne rubino più nel centro di riproduzione; poi rimane sempre il problema del bracconaggio nelle zone di rilascio, ma qui è una questione che deve risolvere il governo malgascio.
Da pochi giorni il governo malgascio ha inserito 40 nuovi Rangers per proteggere i luoghi dove sono le Angonoka, almeno questo è un segnale che qualcosa si sta muovendo. Il Durrell sta cercado di sensibilizzare la gente dei villagi interessati alla Angonka, per fargli capire che sono più remunerative da vive che da morte; infatti ad Ampijoroa probabilmente metà villaggio vive con gli intriti del centro e del parco .

Certo che le notizie che mi arrivano in questi giorni non mi fanno dormire bene: ieri mi è arrivata una mail da Mahajanga, da un Francese, che mi dice che gli stanno portando due piccole yniphora : WallBash :
ora il mio dilemma è: che gli dico ?
- che le prenda e le paghiamo noi ? in questo caso se dai soldi ai bracconieri, poi ne andranno a cercare ancora
- che cerchi di individuare i bracconieri ? non è facile chiedere questo, potrei rischiare di perdere il contatto
- che non le prenda ? in questo caso le vendereanno a qualche altro straniero a Mahajanga e probabilmente spariranno

Ora vedo di riflettere bene su come rispondergli.

Avatar utente
DelorenziDanilo
Messaggi: 4031
Iscritto il: mer mag 18, 2005 10:49 pm
Località: Emilia Romagna
Contatta:

Re: Reportage "Progetto TCI Angonoka"

Messaggioda DelorenziDanilo » sab ott 16, 2010 11:13 am

qualsiasi scelta sarà criticata.. in effetti come si fa si fa male..

Avatar utente
DelorenziDanilo
Messaggi: 4031
Iscritto il: mer mag 18, 2005 10:49 pm
Località: Emilia Romagna
Contatta:

Re: Reportage "Progetto TCI Angonoka"

Messaggioda DelorenziDanilo » sab ott 16, 2010 11:30 am

forse l'acquisto.. ma parallelamente continuare a spendere energie per cercare di sensibilizzare la popolazione, anche se dopo aver visto la situazione mi rendo bene conto che è come parlare al vento.. lì siamo in un mondo di primitivi nella maggior parte dei casi..

finanziamo un secondo parco per le future adulte in un'altra zona? (sempre in madagascar ovviamente)

facciamo una zona di semilibertà con una recinzione molto più grande, e qualche persona che sorveglia la zona (con quello che guadagnano là si spende anche poco nella sorveglianza giorno e notte..)

non so..difficile trovare soluzioni.. la situazione è davvero difficile per salvarle dall'estinzione!

Avatar utente
Seda
Messaggi: 3686
Iscritto il: mar set 16, 2008 9:10 am
Località: Lazio

Re: Reportage "Progetto TCI Angonoka"

Messaggioda Seda » sab ott 16, 2010 2:44 pm

credo che la soluzione migliore ,fra tutte le peggiori,sia pagarle!vero che incentivi a cercarne,ma meglio pagare perche' te le portino e tu possa cercare di preservarle ,che farle pagare a chi ne fara' chissa' cosa!
Rispettali, lo meritano!!

Avatar utente
EDG
Messaggi: 10715
Iscritto il: gio apr 20, 2006 8:17 pm
Località: Sicilia

Re: Reportage "Progetto TCI Angonoka"

Messaggioda EDG » sab ott 16, 2010 5:55 pm

Secondo me la cosa migliore e anche la più fattibile è quella di cercare di salvare una specie nel luogo in cui si trova, cercando di sfruttare le possibilità del caso.
Ho letto il reportage, siete stati grandi!
Enrico

Avatar utente
DelorenziDanilo
Messaggi: 4031
Iscritto il: mer mag 18, 2005 10:49 pm
Località: Emilia Romagna
Contatta:

Re: Reportage "Progetto TCI Angonoka"

Messaggioda DelorenziDanilo » sab ott 16, 2010 6:48 pm

D'accordo per pagarle (per stavolta), ma quello che dice Agostino (e ha ragione) è che così attivi un meccanicmo infinito.. in pratica quando le trovano le prelevano e ogni volta te le ripropongono perchè sanno che tu le acquisti.. che gioco è?

Avatar utente
Michele
Messaggi: 2133
Iscritto il: mer mar 01, 2006 10:50 pm
Località: Friuli-Venezia Giulia

Re: Reportage "Progetto TCI Angonoka"

Messaggioda Michele » sab ott 16, 2010 8:30 pm

Gli sforzi fatti dal TCI sono encomiabili però, a mio giudizio, il progetto resta un' utopia.
Problemi di furti e corruzione li abbiamo qua in Europa.
Figuriamoci in Madagascar.
Il reddito di una malgascio è di circa 75 dollari lordi al mese.
Per pochi dollari (5 o 10!) le donne vendono il proprio corpo, figuriamoci se è un problema trafugare qualche tartaruga per un ricompenso che corrisponde ad un anno di lavoro!
Forse da noi il problema dell'estinzione di questi animali sarebbe recipito meglio, quindi l'idea di Giacomo mi pare più plausibile.
Il discorso malattie, habitat e ambientazione non lo vedo impossibile in Europa.
Chiaro, si sta parlando di strutture di un certo costo quali serre, recinti e stanze climatizzate gestite da personale fidato ma a conti fatti il rischio furti si ridurrebbe del 90%.
Di Yniphora baby o di taglia un po' più grande si trovano anche da noi senza troppi problemi.
In fiere estere se ne sono viste a vendere sottobanco un po' come si faceva da noi, fina a qualche anno fa, con le Testudo o le Radiata.
Non escludo che vengano riprodotte anche in Europa ma la fonte più probabile penso restino i centri di recupero in Madagascar dai quali vengono trafugate.
La cosa migliore penso resti la possibilità di affidamento di questi animali sequestrati,da parte degli organi competenti, a centri europei e perchè no, al TCI se saprà presentare un curriculum adeguato
Ultima modifica di Michele il sab ott 16, 2010 8:38 pm, modificato 3 volte in totale.
Motivazione: Non specificata

Avatar utente
Agostino
Messaggi: 5288
Iscritto il: sab mag 21, 2005 9:06 am
Località: Emilia Romagna
Contatta:

Re: Reportage "Progetto TCI Angonoka"

Messaggioda Agostino » sab ott 16, 2010 8:38 pm

Credo che se nel centro di recupero in loco finiscono i furti, ci sono buone speranze di successo, e su come si stanno impegnando sono moderatamente ottimista.
Però a pari passo dovrebbe andare anche la sensibilizzazione nelle zone di introduzione e mi sembra che le cose stanno migliorando anche qui; ovvio che questo rimane il punto più debole.
Ultima modifica di Agostino il sab ott 16, 2010 8:51 pm, modificato 1 volta in totale.
Motivazione: Non specificata


Torna a “Comunicazioni del Tarta Club Italia”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron