TARTANEWSLETTER GENNAIO 2010

Avatar utente
Luca-VE
Messaggi: 8512
Iscritto il: mar mag 24, 2005 12:44 pm
Località: Venezia

Re: TARTANEWSLETTER GENNAIO 2010

Messaggioda Luca-VE » ven gen 22, 2010 9:21 am

Flavio, hai tirato fuori un argomento di cui nessuno aveva praticamente parlato. :D
Ovviamente questo DDL colpisce pure (magari diventera' "sopratutto") le Associazioni e i "Centri" che gli animali non li tengono certo bene, come canili Lager ecc.
QUelli si che hanno finito di prendere i soldi in modo criminale, altro che farne di nuovi!
Anche perche, chi si prende la briga di ospitare gli animali sequestrati (con finanziamento annesso) dovra' pur tenerli meglio del vecchio proprietario, no?
Qui casca il palco (e i residui timori, se ce ne fossero ancora), almeno per quanto ci riguarda.
piccolo spazio pubblicità

Avatar utente
Agostino
Messaggi: 5288
Iscritto il: sab mag 21, 2005 9:06 am
Località: Emilia Romagna
Contatta:

Re: TARTANEWSLETTER GENNAIO 2010

Messaggioda Agostino » ven gen 22, 2010 8:14 pm

Mi dispiace Luca ma come dici tu il palco, invece è molto saldo!
Ho parlato con il nostro studio legale, mi hanno inviato un doc , scritto troppo in formato "avvocatesco" e troppo lungo, quindi evito di inserirlo, ma in pratica mi confermano tutte le mie paure e preoccupazioni iniziali, cioè che con la modifica del codice penale i sequestri saranno molto più facili e che il conflitto di interessi è forte .
Con chiunque ho parlato, che conosce il problema dei sequestri è terrorizzato da queste nuove proposte.

Poi è anche vero che nella nuova proposta ci sono tante cose buone, ma a me interessano quelle "poche" cattive!

Avatar utente
Sasa75
Messaggi: 153
Iscritto il: mer set 13, 2006 5:07 pm
Regione: Sicilia
Località: Sicilia

Re: TARTANEWSLETTER GENNAIO 2010

Messaggioda Sasa75 » ven gen 22, 2010 10:52 pm

Ciao Agostino, ma non si conosce la data alla quale hanno rimandato la proposta di legge??

Avatar utente
Luca-VE
Messaggi: 8512
Iscritto il: mar mag 24, 2005 12:44 pm
Località: Venezia

Re: TARTANEWSLETTER GENNAIO 2010

Messaggioda Luca-VE » ven gen 22, 2010 11:28 pm

Tornando seri, sarebbe giusto sapere su quali basi lo Studio Legale del TCI ha giudicato pericoloso questo DDL, almeno nei punti salienti.
piccolo spazio pubblicità

tartafede
Messaggi: 614
Iscritto il: ven lug 01, 2005 10:33 am
Regione: Veneto

Re: TARTANEWSLETTER GENNAIO 2010

Messaggioda tartafede » sab gen 23, 2010 12:17 am

qualcuno qui dovrebbe smetterla di intestardirsi ...... mi sto sentendo in inbarazzo......e non sto mia parlando del Venesian....

Avatar utente
Agostino
Messaggi: 5288
Iscritto il: sab mag 21, 2005 9:06 am
Località: Emilia Romagna
Contatta:

Re: TARTANEWSLETTER GENNAIO 2010

Messaggioda Agostino » sab gen 23, 2010 9:12 am

No ! la data è stata annullata e basta; mi hanno detto che la Martini è infuriata, e sono molti che sperano non se ne faccia più nulla, ma ci credo poco, appena possibile salterà nuovamente fuori, magari quanto meno ce lo aspettiamo. Intanto continuamo a lavorare per informare i politici e la gente; chi la fatta contava molto sulla velocità, proprio per evitare che troppi capissero cosa nasconde questa proposta, presentata principalmente come ratifica dele direttive europee, ma che è ben diversa da quello che hanno applicato la maggior parte degli altri paesi CEE.

Avatar utente
Agostino
Messaggi: 5288
Iscritto il: sab mag 21, 2005 9:06 am
Località: Emilia Romagna
Contatta:

Re: TARTANEWSLETTER GENNAIO 2010

Messaggioda Agostino » sab gen 23, 2010 9:29 am

Luca , lo sto dicendo fin dall'inizio,
i punti focali sono la modifica del codice penale per voler togliere la parola "crudeltà" ed il forte conflitto di interessi che avranno le associazioni animaliste accreditate. Chi non vuol capire non capirà mai !

Tu la stai prendendo in risa, ma non ti auguro mai di subire un sequestro, perchè ti passerà la voglia di scherzare.
Ti basterebbe pensare a cosa hanno fatto ad un socio solo perchè gli ipotizzavano che faceva "vendite camuffate" di tartarughe , nonostante avesse regolari documenti di donazioni gratuite. Gli hanno letteralmente rivoltato la casa, sconvolta la vita e sopratutto tolto il sorriso! (oltre a chissà quanti soldi starà spendendo per i legali) E tutto senza prove , solo per un sospetto. Troppo spesso le vittime dei sequestri vengono di fatto giudicate colpevoli prima di subire i processi !

Figurati poi se sarà ancora più facile fare sequestri e se ci sarà anche un forte conflitto di interesse ! Mi dispiace ma siccome conosco tantissime situazioni bruttissime, non riesco a riderci sopra.

Non credo sia tanto strano o illecito sperare che questa proosta venga modificata e che realmente sia una ratifica, solo ed esclusivamente delle direttive CEE che ritengo siano ben fatte. Poi tutti gli escamotage per far si che il governo spenda meno sui centri di recupero non mi piacciono; già dovrebbe prendersi a carico da tanti anni del problema degli abbandoni di milioni di tartarughe acquatiche alloctone e invece se ne sta lavando le mani........

Avatar utente
Luca-VE
Messaggi: 8512
Iscritto il: mar mag 24, 2005 12:44 pm
Località: Venezia

Re: TARTANEWSLETTER GENNAIO 2010

Messaggioda Luca-VE » sab gen 23, 2010 11:55 am

Agostino ha scritto:Luca , lo sto dicendo fin dall'inizio,
i punti focali sono la modifica del codice penale per voler togliere la parola "crudeltà" ed il forte conflitto di interessi che avranno le associazioni animaliste accreditate. Chi non vuol capire non capirà mai !

Tu la stai prendendo in risa

Ago, credimi prenderla in scherzo e' il miglior favore che posso fare.
Mi parli di conflitto di interessi su questo DDL?
Io vedo molto piu conflittuale contestare un DDL che davvero regolamenta (senza peraltro toccarci) i maltrattamenti che sono all'ordine del giorno in Italia, che sono ben specificati nel DDL.
Io vedo conflittuale che un Associazone naturalista come il TCI sia in prima fila nel combattere un DDL "a tutela degi animali" a fianco di Associazioni Circensi, Baracconi ambulanti, Associazioni di commercianti di animali (magari gli stessi che contestiamo giornalmente perche tengono 50 Trachemys in un cm d'acqua in 30x30, o 7 specie esotiche in un terrari di 50x30) che sono i veri destinatari di questo DDL assieme ad altri problemi nostri quotidiani, come l'importazione clandestina di animali ecc.
Le Direttive CEE sono state modificate?
E allora?
Se vai a guardare praticamente tutti gli Stati europei le hanno ratificate personalizzando alcuni punti in base alle proprie problematiche.
E' conflittuale che in tutto il mondo terraristico solo il TCI sia in subbuglio per questo DDL mentre tutte le altre componenti lo ignorano se non plaudono addirittura...
I conflitti di interessi delle Associazioni accreditate?
E' gia stato detto un paio di giorni fa, perche il TCI non si fa accreditare, o cerca di farlo, come Affidatario delle tartarughe confiscate?
Perche invece di protestare contro questo DDL non cerca di farsi garante che venga applicato come si deve, e che eventuali sequestri siano motivati ed eseguiti " a norma" , che gli animali finiscano davvero in condizioni migliori di quelle in cui erano tenuti prima.

Mi parli del sequestro capitato a un socio (che non conosco e pertanto non giudico, ci mancherebbe) ma cosa rappresenta "un socio" o magari 10, sul panorama totale degli allevatori italiani?
Una goccia d'acqua.
"Regolari documenti di cessione gratuita"?
E qual'e' la differenza tra quelli regolari e quelli irregolari, visto che entrambi non sono verificabili?
Le Nuove Norme, che tanto per cambiare erano state definite spaventose, servivano proprio per mettere fine a questo equivoco, per mettere fine al fatto che dietro alle "cessioni gratuie" si celasse in realta' la vendita i centinaia (facciamo migliaia) di esemplari da parte di persone che non avevano autorita' e requisiti per farlo.
E si e' fatto di tutto, in faccia alle Istituzioni, per raggirare questa norma, basta ricordare le tartarughe in pasta di sale o le borse vendute a 30-40 euro con la Testudo in omaggio sull'acquisto.
Una presa in giro, forse ai limiti della legalita', ma pur sempre una presa in giro!
Il socio ha fatto le spese di questa situazione, non delle leggi o dello zelo di qualche funzionario...
Mi fermo, perche ho gia detto anche troppo...
Prima un consiglio, siete (siamo) in tempo per dissociarci e per cominciare davvero a collaborare per creare leggi migliori, smettiamola di combattere dalla parte sbagliata!
piccolo spazio pubblicità

Avatar utente
dm195
Messaggi: 746
Iscritto il: mar mag 01, 2007 12:57 pm
Località: Veneto

Re: TARTANEWSLETTER GENNAIO 2010

Messaggioda dm195 » sab gen 23, 2010 12:04 pm

ot:ago,se il socio è quello che regalava la tarta se acquistavi una camicia da 200 euro le prove ci sono eccome!!!!
la forestale ha eseguito appostamenti e controlli prima di agire e il responsabile della mia zona ha detto chiaramente che questo è uno dei fatti che ha indotto al blocco cessioni.
fuori ot:per il ddl meglio che sia stato bloccato almeno si potra seriamente studiarlo per capirne di più,popi quoto luca quando dice che il tci potrebbe candidarsi come associazione per la tutela e l'affidamento.
socio tartaclub dal 2007

tartafede
Messaggi: 614
Iscritto il: ven lug 01, 2005 10:33 am
Regione: Veneto

Re: TARTANEWSLETTER GENNAIO 2010

Messaggioda tartafede » sab gen 23, 2010 1:14 pm

Sta diventando palese che il consenso dei soci alla posizione presa da chi li rappresanta non è totale, propongo di fare una sorta di votazione.

Immagino che sia una cosa difficile da effettuare . . .

Comunque l' idea di proporre il TCI come Affidatario delle tartarughe confiscate, non è affatto male che dire di più ......

Avatar utente
Agostino
Messaggi: 5288
Iscritto il: sab mag 21, 2005 9:06 am
Località: Emilia Romagna
Contatta:

Re: TARTANEWSLETTER GENNAIO 2010

Messaggioda Agostino » sab gen 23, 2010 1:21 pm

Mi parli di conflitto di interessi su questo DDL?
Certo, se i soldi vanno a chi farà le segnalazioni di maltrattamento non mi sembra ne corretto ne democratico......
Io vedo molto piu conflittuale contestare un DDL che davvero regolamenta (senza peraltro toccarci) i maltrattamenti che sono all'ordine del giorno in Italia, che sono ben specificati nel DDL.
Invece la proposta tocca tutti gli animali, quindi anche le tarte.
Io vedo conflittuale che un Associazone naturalista come il TCI sia in prima fila nel combattere un DDL "a tutela degi animali" a fianco di Associazioni Circensi, Baracconi ambulanti, Associazioni di commercianti di animali (magari gli stessi che contestiamo giornalmente perche tengono 50 Trachemys in un cm d'acqua in 30x30, o 7 specie esotiche in un terrari di 50x30) che sono i veri destinatari di questo DDL assieme ad altri problemi nostri quotidiani, come l'importazione clandestina di animali ecc.
L'ho detto ancora, non siamo a fianco di FederFauna, ma ci siamo dentro per portare la nostra voce .
Le Direttive CEE sono state modificate?
Non mi risulta, infatti molti ci cascano proprio perchè in questa proposta ci sono anche tante cose buone, ma a me preoccupano quelle cattive.

Avatar utente
Luca-VE
Messaggi: 8512
Iscritto il: mar mag 24, 2005 12:44 pm
Località: Venezia

Re: TARTANEWSLETTER GENNAIO 2010

Messaggioda Luca-VE » sab gen 23, 2010 1:25 pm

Agostino ha scritto:Mi parli di conflitto di interessi su questo DDL?
Certo, se i soldi vanno a chi farà le segnalazioni di maltrattamento non mi sembra ne corretto ne democratico......

Ago, continui a dare notizie non conformi alla realta': i soldi non vanno a chi fa le segnalazioni, ma a chi prende eventualmente gli animali in affido...la cosa e' di una differenza enorme.
Un conto e' fare la "soffiata", un conto e' impegnarsi e prendersi cura degli animali eventualmente confiscati, e dimostrare poi di saperli gestire meglio del precedente proprietario.
L'Ufficio Legale del TCI e di Federfauna non ha tenuto conto di questa "piccola" differenza"?
Sulle altre smentite, penso che piu di quanto possiamo sostenere io o te, ognuno si fara' un idea di testa propria, le parole rimangono scritte per quello......
piccolo spazio pubblicità

Avatar utente
Agostino
Messaggi: 5288
Iscritto il: sab mag 21, 2005 9:06 am
Località: Emilia Romagna
Contatta:

Re: TARTANEWSLETTER GENNAIO 2010

Messaggioda Agostino » sab gen 23, 2010 1:31 pm

Sto guardando i fatti; di fatto la stragrande maggioranza di chi fa le segnalazioni per i sequestri sono le stesse associazioni.
Il binomio più sequestri più soldi mi mette inquietudine.

Avatar utente
Agostino
Messaggi: 5288
Iscritto il: sab mag 21, 2005 9:06 am
Località: Emilia Romagna
Contatta:

Re: TARTANEWSLETTER GENNAIO 2010

Messaggioda Agostino » sab gen 23, 2010 1:33 pm

La proposta mi sta benissimo se ratifica le norme europee e migliora la detenzione degli esemplari, ma ci deve essere chiarezza e trasparenza, quindi fine al businnes dei sequestri !
Se è vero che tante associazioni fanno tante cose buone, è anche vero che ce ne sono che sono "marce" e queste ultime sarebbero da eliminare, e non lo farai certo con questa nuova proposta, anzi.....

Avatar utente
Agostino
Messaggi: 5288
Iscritto il: sab mag 21, 2005 9:06 am
Località: Emilia Romagna
Contatta:

Re: TARTANEWSLETTER GENNAIO 2010

Messaggioda Agostino » sab gen 23, 2010 1:42 pm

Sto cercando di quotare le tue domande ma il post è lunghissimo e il programma non me lo permette , quindi lo faccio a pezzi, ma nello stesso tempo continuano ad arrivare altri post(che casino).
Se vai a guardare praticamente tutti gli Stati europei le hanno ratificate personalizzando alcuni punti in base alle proprie problematiche.
Non mi risulta però che abbiano un codice civile che faciliti i sequestri senza una prova di crudeltà.
I conflitti di interessi delle Associazioni accreditate?
Più sequestri = più soldi !
E' gia stato detto un paio di giorni fa, perche il TCI non si fa accreditare, o cerca di farlo, come Affidatario delle tartarughe confiscate?
Il TCI non ha le strutture per poterlo fare e non è presente in almeno 5 regioni con delle sedi, poi ci abbiamo già provato a prendere degli affidi da sequestri, ma ci hanno fatto già passare la voglia, è una vergogna ! Senza pensare che servirebbe una struttura adeguata, se riusciremo a fare il parco se ne riparlerà!
Perche invece di protestare contro questo DDL non cerca di farsi garante che venga applicato come si deve, e che eventuali sequestri siano motivati ed eseguiti " a norma" , che gli animali finiscano davvero in condizioni migliori di quelle in cui erano tenuti prima.
E' quello che stiamo dicendo ai politici che stiamo contattando!


Torna a “Comunicazioni del Tarta Club Italia”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron