ritenzione di uova

Letargo, cure, accoppiamento, deposizione ecc.
Testudo graeca, hermanni, kleinmanni, marginata
Avatar utente
Suelo
Messaggi: 2000
Iscritto il: mar mar 25, 2008 12:39 pm
Località: provincia di milano

ritenzione di uova

Messaggioda Suelo » sab mag 30, 2009 4:37 pm

oggi dal veterinario ho incontrato una signora con una tarta a cui è stata indotta la deposizione ed ha espulso 9 uova di quest'anno e 3 dell'anno scorso, siccome non riuscivo bene a comprendere questa cosa, ho chiesto al veterinario stesso il quale mi ha detto che quest'anno ci sono tantissimi casi di ritenzione di uova, dovuti verosimilmente all'inverno rigido, sinceramente non ho capito la connessione tra le due cose, ma poi è suonato il telefono e non ho avuto modo di chiedere ulteriori spiegazioni.
inoltre mi ha detto che è possibile che uova non deposte, (per svariati motivi) possano essere deposte l'anno successivo, ad esempio ha detto che la tarta che è arrivata da me solo da una quiondicina di giorni quasi sicuramente non deporrà quest'anno a causa dello stress del viaggio e esplellerà queste uova l'anno prossimo, ovviamente non saranno più buone.
non avevo mai sentito questa cosa, credevo che un uovo una volta formato dovesse essere espulso per forza, voi sapete qualcosa in merito?

Avatar utente
Seda
Messaggi: 3686
Iscritto il: mar set 16, 2008 9:10 am
Località: Lazio

Re: ritenzione di uova

Messaggioda Seda » sab mag 30, 2009 9:55 pm

io non ho capito una cosa,da che ha distinto le uova di questo anno da quelle dello scorso?tu hai avuto modo di vederle?
strano pero' che possano trattenere le uova dell'anno prima,ma che si incapsulano e non creano problemi???
ora mi hai messo timori,una delle mie lo scorso anno ha fatto tremila buche e alla fine ha chiuso l'ultima ,ma dentro era vuota,questo anno ha scavato per giorni e non credo abbia piu' deposto,praticamente mi sono accampata da loro per vigilare!ma sta bene mangia ed e' vispa,ero ormai sicura che facesse cosi' perche' vecchia, ma ora!!!
Rispettali, lo meritano!!

Avatar utente
Barbara
Messaggi: 9779
Iscritto il: mar mag 22, 2007 8:49 am
Località: Liguria La Spezia
Contatta:

Re: ritenzione di uova

Messaggioda Barbara » dom mag 31, 2009 9:07 am

Non so come sia possibile ma so che a volte se sottoposte a stress (non solo da spostamento) non depongono, come abbia fatto il veterinario a distinguere quelle dell'anno precedente non lo so... ci vorrebbe un veterinario a dircelo :D

Avatar utente
Suelo
Messaggi: 2000
Iscritto il: mar mar 25, 2008 12:39 pm
Località: provincia di milano

Re: ritenzione di uova

Messaggioda Suelo » dom mag 31, 2009 9:13 am

seda ha scritto:io non ho capito una cosa,da che ha distinto le uova di questo anno da quelle dello scorso?tu hai avuto modo di vederle?
strano pero' che possano trattenere le uova dell'anno prima,ma che si incapsulano e non creano problemi???
ora mi hai messo timori,una delle mie lo scorso anno ha fatto tremila buche e alla fine ha chiuso l'ultima ,ma dentro era vuota,questo anno ha scavato per giorni e non credo abbia piu' deposto,praticamente mi sono accampata da loro per vigilare!ma sta bene mangia ed e' vispa,ero ormai sicura che facesse cosi' perche' vecchia, ma ora!!!


seda io ho visto solo quelle di quest'anno perchè gliele ha consegnate, le altre le aveva già buttate il veterinario.
ma pensavo una cosa, ogni tanto capita l'inconveniente che un uovo non fecondato esploda, questo potrebbe succedere anche in uova dell'anno prima all'interno della tarta? credo che le conseguenze potrebbero essere letali per la tarta stessa.

comunque se la tua mangia ed è vispa non penso che abbia una ritenzione, tutte le tarta che gli hanno portato mostravano dei sintomi comportamentali che indicavano un malessere della tartaruga, dai stai tranquilla :wink:

per barbara, io non ho sentito, ma mia madre mi ha detto di aver capito che le uova dell'anno passato sono calcificate, non so cosa significhi, magari l'aspetto esteriore è diverso, non saprei proprio.

Avatar utente
Seda
Messaggi: 3686
Iscritto il: mar set 16, 2008 9:10 am
Località: Lazio

Re: ritenzione di uova

Messaggioda Seda » dom mag 31, 2009 10:21 am

chissa' se per calcificate intende quelle uova un po' rugose e magari con dei bozzettini sopra!a ricordarsi se da quelle era mai nato nulla visto che non dovrebbero essere buone!e poi perche' non sono buone?ma tutta questa storia non la capisco bene,ma come fa a stare bene con uova dell'anno prima dentro???mi raccomando quando ci tornerai dal tuo medico chiedi eh!!!!
Rispettali, lo meritano!!

Avatar utente
Maddy
Messaggi: 151
Iscritto il: sab feb 09, 2008 2:54 pm
Località: Liguria
Contatta:

Re: ritenzione di uova

Messaggioda Maddy » dom mag 31, 2009 11:25 am

Non conosco il caso nello specifico perche' ovviamente non ho visto ne' l'animale, ne' le radiografie, ne' le uova, ma forse e' bene precisare alcune cose.

E' vero che per svariati motivi un animale puo' ritenere le uova dall'anno precedente, ma in genere non si tratta di un anno solare, ma diciamo di una stagione e in genere in questo caso l'animale puo' non manifestare alcun sintomi di malassere (sottolineo malassere, perche' per esperienza pratica vi dico che il proprietario attento e scrupoloso si accorge sempre che qualcosa non va. A volte riferisce che l'animale sta bene, ma lui "ha la sensazione che ci sia qualcosa che non va").
Se il periodo e' piu' lungo di una stagione spesso le uova si calcificano (tutte le uova in realta' per essere espulse si devono calcificare, ma in questo caso si calcificano troppo al punto di essere cosi' calcificate da perdere elasticita' ed essere quasi assimilabili a pietre!) e danno ritenzione ovarica o distocia. Il grado di calcificazione varia ovviamente a seconda del tempo di ritenzione e influenzera' poi la prognosi al punto che non sempre le normali somministrazioni ormonali riescono a risolvere il problema arrivando talora all'intervento chirurgico per portare via le uova ritenute. Puo' succedere che il grappolo presenti delle uova calcificate che ostruiscano il passaggio impedendo la deposizione e delle altre che invece presentano normale calcificazione o addirittura assenza di calcificazione ma che non possano progredire per ovvio occlusione del passaggio. Anche in questo caso la prognosi e la terapia (farmacologica o chirurgica) deve essere valutata da caso a caso.
Nel caso in oggetto potrebbe essere successa una cosa simile. Difficile dire come il collega abbia detto che 3 erano dell'anno prima e le altre no, immagino abbia valutato il grado di calcificazione e confermazione delle 3 uova rispetto alle altre, ma non vedendo il caso non posso dire, posso solo dire che e' possibile. Di fatto la risoluzione farmacologica e la risposta positiva avuta fa pensare che la situazione non fosse ancora cosi' grave e fa pensare ad una conclusione positiva del problema della bestiola. Sicuramente va' detto che le tartarughe rispetto ad altri rettili rispondono meglio alle somministrazioni farmacologiche e i casi in cui bisogna ricorrere alla chirurgia siano molto piu' limitati.

Tutto questo discorso vale con la precisazione iniziale "in genere", perche' poi ci sono casi e casi. Si sono ad esempio avute ritenzioni ovariche di uova non calcificate che sono durate 7 mesi.

Avatar utente
Suelo
Messaggi: 2000
Iscritto il: mar mar 25, 2008 12:39 pm
Località: provincia di milano

Re: ritenzione di uova

Messaggioda Suelo » dom mag 31, 2009 12:17 pm

grazie maddy per il tuo contributo!! davvero interessante.
avrei anche un'altra curiosità, quando si parla di ritenzione e quando invece di distocia?

Avatar utente
Seda
Messaggi: 3686
Iscritto il: mar set 16, 2008 9:10 am
Località: Lazio

Re: ritenzione di uova

Messaggioda Seda » dom mag 31, 2009 2:16 pm

grazie maddy,anche io ho una domanda.perche' a priori le uova trattenute non sono buone?o meglio ,la fusione cellulare avviene gia' nella femmina e poi va morendo o come tutta la schiusa ha lunghi tempi e quindi i due gameti non generano un inizio di embrione e restano cosi' senza "vita" ?non so come spiegarmi,ma se nell'uovo vi fosse un embrione morto non sarebbe ancora piu' facile la putrescenza e le conseguenti cause per la madre?lasciamo stare che mi sto ingarbugliando da sola!
Rispettali, lo meritano!!

Avatar utente
Maddy
Messaggi: 151
Iscritto il: sab feb 09, 2008 2:54 pm
Località: Liguria
Contatta:

Re: ritenzione di uova

Messaggioda Maddy » dom mag 31, 2009 6:20 pm

Allora… preciso che rispondo sulla base delle mie personali esperienze, magari qualcuno ne ha avute di diverse e puo' esprimere parere diverso.

Per la mia esperienza pratica se le uova sono veramente ritenute, l’animale presenta qualche segno di malessere e spesso le uova non risultano piu’ fertili (ma in questo caso sono passate diverse settimane dalla loro ipotetica deposizione). Dico “se le uova sono veramente ritenute” perche’ talora utilizzando i comuni ormoni gia’ sul solo sospetto di ritenzione si puo’ indurre la deposizione inibendo l’innescarsi di fenomeni autolitici all’interno dell’uovo per cui in pratica e’ come se si fosse anticipato l’evento sfavorevole. Nella pratica pero’ queste evenienze sono piuttosto rare (in linea di massima questi animali (purtroppo!) vengono monitorati solo quando stanno male, quindi si perde la possibilita’ di “prevedere/prevenire”.
Il discorso puo’ “suonare strano”, ma non dimenticavi che sono rettili, anzi ancora peggio tartarughe quindi una cosa completamente diversa dai mammiferi. In altre parole potrebbero avere delle uova ritenute che stanno marcendo e stare cosi’ per mesi senza avere grandi alterazioni sul loro normale comportamento.
Discorso completamente diverso vale per altri tipi di rettili, dove piu’ facilmente uova ritenute possono essere ancora fertili. Ritengo che cio’ sia legato al tempo che normalmente si impiega prima di riuscire ad interpretare i sintomi di ritenzione da parte del proprietario e quindi alla tempestivita’ di intervento da parte del veterinario. In pratica un proprietario “vede” piu’ facilmente che un camaleonte stia ritenendo le uova rispetto ad una tartaruga.
Nella mia esperienza pratica non mi sono mai nate tartarughe da uova ritenute, mentre sono nate lucertole, camaleonti, basiliscus, ecc…

Per rispondere a suelo… direi che parlando in generale la distocia si riferisce in genere alle difficolta’ che si possono avere durante il parto (in pratica farebbe riferimento al momento della nascita in se’). Nella Medicina dei rettili pero’ vista la varieta’ delle situazioni che si possono venire a creare il termine fa riferimento un po’ a tutte le situazione che portano un impedimento da parte della femmina a completare la deposizione (tra queste e’ compresa la ritenzione delle uova). Quindi volendo essere piglioli si potrebbe dire che l’animale presenta una ritenzione ovarica che si concretizza in un parto distocico. In pratica la parola distocia e’ molto piu’ generica e puo’ sottendere che il problema e’ la rottura di uovo o la ritenzione o altro. La parola ritenzione e’ piu’ specifica.

Per curiosita’ vi voglio dire che la letteratura riporta che la distocia in natura sarebbe molto meno frequente di quanto non lo sia in cattivita’ e questi dati non sarebbero legati al fatto che in natura l’animale muore, ma proprio all’incidenza della patologia in natura.

Avatar utente
Seda
Messaggi: 3686
Iscritto il: mar set 16, 2008 9:10 am
Località: Lazio

Re: ritenzione di uova

Messaggioda Seda » dom mag 31, 2009 9:19 pm

Maddy ha scritto:Per curiosita’ vi voglio dire che la letteratura riporta che la distocia in natura sarebbe molto meno frequente di quanto non lo sia in cattivita’ e questi dati non sarebbero legati al fatto che in natura l’animale muore, ma proprio all’incidenza della patologia in natura.


grazie Maddy!tutto molto interessante!questi argomenti mi appassionano!!! :D
riguardo la curiosita':mi verrebbe da pensare che forse uno dei motivi per cui in natura sia molto meno frequente la distocia (intesa come complicazione proprio nel deporre)potrebbe essere dovuto al fatto che a differenza delle "nostre",tenute al meglio possibile,non percorreranno mai le stesse distanze in cerca di cibo o quant'altro e quindi l'apparato muscolare non potrebbe essere mai uguale e il tono muscolare credo che abbia un ruolo fondamentale o no?magari ho detto una cavolata! :oops:
Rispettali, lo meritano!!

Avatar utente
manu76
Messaggi: 329
Iscritto il: mar set 12, 2006 10:43 am
Località: Lombardia

Re: ritenzione di uova

Messaggioda manu76 » lun giu 01, 2009 12:07 am

Davvero gli interessanti gli interventi della gentile dr.ssa Maddy, che ringrazio pubblicamente a nome di tutti... :oops: leggendo i vari post sono rimasto sbalordito e a bocca aperta :o si capisce che è una competente in tartarugologia!! Io però per quanto riguarda l'incidenza di distocia minore nelle selvatiche ero più propenso alla tesi che essendo in natura il sito di nidificazione se lo possono scegliere tranquillamente loro (e lo troveranno sicuramente, essendo quello il lor habitat naturale), mentre in cattività, pur ammettendo che l'aerale a loro disposizione sia spazioso, non è altrettanto detto e scontato che trovino un substrato e/o un terreno adatto alla deposizione, essendo l'area limitata, appunto; da quel che mi risulta anche alcuni erpetologi e veterinari condividono questa tesi (più volte ne sentivo parlare tra veterinari), voi che ne pensate? Maddy tu che ne pensi ? Magari ho toppato io invece :wink: :wink:

Avatar utente
Seda
Messaggi: 3686
Iscritto il: mar set 16, 2008 9:10 am
Località: Lazio

Re: ritenzione di uova

Messaggioda Seda » lun giu 01, 2009 8:53 am

manu76 ha scritto:voi che ne pensate? Maddy tu che ne pensi ? Magari ho toppato io invece :wink: :wink:


no no,interessante ipotesi anche la tua ,forse piu' giusta della mia :oops: ,anche se ho specificato "uno dei motivi" "!
:D
Rispettali, lo meritano!!

Avatar utente
VincenzoC
Messaggi: 1563
Iscritto il: mar set 30, 2008 7:48 am
Località: Milano
Contatta:

Re: ritenzione di uova

Messaggioda VincenzoC » lun giu 01, 2009 9:14 am

seda ha scritto:
manu76 ha scritto:voi che ne pensate? Maddy tu che ne pensi ? Magari ho toppato io invece :wink: :wink:


no no,interessante ipotesi anche la tua ,forse piu' giusta della mia :oops: ,anche se ho specificato "uno dei motivi" "!
:D


infatti i motivi potrebbero essere diversi, io pensavo più probabile la ricerca del giusto sito per la nidificazione, ma solo perchè non avevo pensato allo sforzo differente che le tarta in natura compiono per la ricerca di cibo, cosa che avviene senza ombra di dubbio.
In più in natura sono meno stressate dalla presenza assidua dei maschi ed anche dai ns. benevoli interventi per migliorare il loro habitat

Avatar utente
Maddy
Messaggi: 151
Iscritto il: sab feb 09, 2008 2:54 pm
Località: Liguria
Contatta:

Re: ritenzione di uova

Messaggioda Maddy » lun giu 01, 2009 8:52 pm

Magari ho toppato io invece :wink: :wink:


secondo me i motivi possono essere piu' di uno e quando si parla di ipotesi secondo me non si puo' mai dire se uno sta toppando....Anzi magari vengono fuori interessanti considerazioni....

Il mio primo dubbio a riguardo per esempio e': ma siamo sicuri che sono stati presi in considerazione lo stesso numero di animali? Cioe' voglio dire se sono stati considerati 10 animali "wild" e in questi solo uno ha manifestato ritenzione si puo' dire che il 10% manifesta ritenzione. Ma se poi li confronto con 1000 animali tenuti in cattivita' di cui 200 hanno manifestato ritenzione si puo' dire che in questo caso ci sono state il 20% delle ritenzioni, ma e' ovvio che non sono paragonabili con il 10% dei "wild". Solo un'idea, ma il primo dubbio che mi sorge spontaneo e' che si hanno molti piu'dati sulla cattivita' che sulle condizioni in Natura. E questo a dire il vero non succede solo per le tartarughe.

IL mio secondo dubbio e' la dieta: e' impossibile che le due diete siano paragonabili.

Il terzo dubbio sono gli spazi, come avete gia' considerato.

...e a dire il vero ne avrei altri 1000...diciamo che trovo questi argomenti molto interessanti, ma non solo nelle tarte....Il confronto "wild" - "cattivita' " e' un argomento che mi incuriosisce tantissimo...purtroppo non sempre pero' si hanno delle risposte :roll:

Marculin
Messaggi: 44
Iscritto il: dom mag 07, 2006 12:26 pm
Località: Piemonte

Re: ritenzione di uova

Messaggioda Marculin » dom ago 21, 2016 8:58 am

buongiorno a tutti, stavo cercando in rete e sono capitato in questo vecchio post. Ma quindi una tartaruga potrebbe avere al suo interno delle uova dell'anno prima che non aveva deposto? Quindi potrebbe capitare che faccia il letargo con delle uova al suo interno? Grazie


Torna a “Terrestri Mediterranee”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite